Vai al contenuto

La mia Wishlist

Profilo

Spedizione gratuita

Area Medici
Carrello 0 0,00

Spedizione gratuita

Area Medici

La mia Wishlist

Profilo

Spedizione gratuita

Area Medici

La mia Wishlist

Profilo

Disidratazione: sintomi e rimedi

Indice

Quotidianamente il corpo umano elimina liquidi tramite sudorazione, urina e feci che vengono reintegrati mediante l’assunzione di liquidi, al fine di mantenere un equilibrio ottimale per il funzionamento dell’organismo. Quando questo equilibrio viene a mancare e l’espulsione di acqua è maggiore rispetto alla reintegrazione, si va incontro al processo di disidratazione.

L’acqua presente nell’organismo umano rappresenta dal 50% all’80% del peso corporeo, la percentuale è più bassa negli anziani mentre più alta nei bambini. Invece, negli adulti il volume dell’acqua presente nell’organismo è intorno al 60/70% del peso corporeo, più alta negli uomini e negli atleti e più bassa nelle donne e nelle persone obese.

La disidratazione diventa patologica quando la perdita di acqua senza reintegrazione supera il 5/6% del peso corporeo.

Quali sono i sintomi della disidratazione?

Il primo sintomo della disidratazione è la sensazione di sete, questo è uno dei primi meccanismi di controllo dell’equilibrio elettrolitico che ci ricorda di reintegrare i liquidi persi. Negli adulti la disidratazione si presenta con i seguenti sintomi:

  • Sete estrema;
  • Alito cattivo;
  • Labbra secche;
  • Fatica;
  • Vertigini;
  • Confusione;
  • Urine scure;
  • Minzione meno frequente.

Per reintegrare i liquidi non solo è importante ascoltare il proprio corpo e bere in maniera regolare ma anche apportarne la giusta reintegrazione durante l’alimentazione con una dieta sana ricca di verdure.

Gli anziani e i bambini hanno una minore percezione della sete, per questo è più probabile soffrano di disidratazione. Inoltre, nei bambini i sintomi differiscono da quelli degli adulti, infatti solitamente includono: assenza di lacrime durante il pianto, occhi infossati, svogliatezza e irritabilità e pannolino asciutto per più di tre ore.

Le tipologie di disidratazione

La disidratazione si può distinguere secondo tre tipologie:

Disidratazione isotonica

Caratterizzata da una abbondante perdita di acqua e sodio in uguale quantità in un breve periodo temporale. Solitamente sussiste dopo attacchi di diarrea o vomito che non danno la possibilità di reintegrare i liquidi persi.

Disidratazione ipotonica

Caratterizzata da una perdita di sodio maggiore della perdita dell’acqua, solitamente a seguito di sudorazione abbondante, insufficienza renale o disturbi gastrointestinali.

Disidratazione Ipertonica

Si tratta di una perdita di acqua maggiore della perdita di sodio, la forma ipertonica è riscontrabile in persone affette da diabete e nefropatie.

Disidratazione: rimedi

La prima azione da compiere quando si soffre di disidratazione è reintegrare i liquidi perduti bevendo acqua, se lo stato di disidratazione è grave si raccomanda di integrare anche i sali minerali. Inoltre, è consigliato reidratarsi con piccoli sorsi ogni 5 minuti, al fine di permettere all’organismo di reintegrare i liquidi in maniera sostenibile.

Non bisogna sottovalutare lo stato di disidratazione, perché se questo si prolunga più del necessario può avere gravi conseguenze. Inoltre, è assolutamente sconsigliato tentare di reintegrare i liquidi con bevande zuccherate e gassate.

I rischi della disidratazione in estate

Con l’arrivo dell’estate e l’alzarsi delle temperature è opportuno prestare molta attenzione ai segnali che il nostro corpo ci invia. Infatti, nel periodo estivo consigliamo di evitare le uscite nelle ore più calde delle giornate e di prediligere luoghi freschi e al coperto. In caso non si possano seguire questi consigli diventa essenziale ricordarsi di bere frequentemente e di reintegrare i sali minerali persi durante la sudorazione.

Condividi l'articolo

Potrebbe interessarti...

Allenarsi nonostante il caldo: sport all'aria aperta
Sport

Come allenarsi con il caldo: alcuni consigli

Con l’avanzare della stagione estiva e l’aumento delle temperature praticare attività fisica all’aria aperta può rilevarsi ostico. L’attività fisica è importante in questo processo; durante l’allenamento, infatti, il corpo rilascia sostanze come la dopamina e le endorfine che stimolano il buon umore liberandosi di stress e ansia. Con il caldo

Continua »
Integratori alimentari: l’approvazione per il commercio
Blog

Integratori alimentari: l’approvazione per il commercio

Gli integratori alimentari sono prodotti alimentari formulati come un concentrato di nutrienti ad esempio minerali, vitamine o altre sostanze aventi effetto nutritivo o fisiologico. Come si evince dal nome vengono utilizzati per corregge o integrare la dieta quotidiana e si presentano solitamente sotto forma di “dose”, quindi bustine, capsule o

Continua »
Cellulite: cause e trattamenti - Pavaglione Integratori
Cellulite e ritenzione idrica

Cellulite: Rimedi e Trattamenti

La cellulite è un disturbo che colpisce il tessuto adiposo e si presenta con il tipico aspetto della pelle a buccia d’arancia, affligge principalmente le donne e si manifesta in determinate zone del corpo. La cellulite colpisce gambe, fianchi, glutei e pancia. Gli stadi della cellulite Esistono diversi stadi della

Continua »
Sei un medico ? Richiedi un campione di Rescue Veno
Il mio carrello
Il tuo carrello è vuoto.

Sembra che tu non abbia ancora fatto una scelta.